Ti trovi qui: ISPESL / Prevenzione dei tumori nei luoghi di lavoro / Normativa / Normativa Nazionale
Normativa Nazionale
Contenuto
  • Accordo Stato-Regioni 20 novembre 2008
    Individuazione delle priorità per il finanziamento di attività di promozione della cultura e delle azioni di prevenzione della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro;
  • D. Lgs. 9 aprile 2008, n.81
    Attuazione dell’articolo 1 della Legge 3 agosto 2007 n.123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro;
  • D.M. 9 aprile 2008 - Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale
    Nuove tabelle delle malattie professionali nell'industria e nell'agricoltura;
  • L.18 marzo 2008, n.75
    Ratifica ed esecuzione della Convenzione quadro dell’Organizzazione Mondiale della Sanità - OMS- per la lotta al tabagismo, fatta a Ginevra il 21 maggio 2003;
  • D.M. 14 gennaio 2008 - Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale
    Elenco delle malattie per le quali è obbligatoria la denuncia ai sensi e per gli effetti dell’articolo 139 del testo unico approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1965, n.1124, e s.m.i.;
  • D.P.C.M. 17 dicembre 2007
    Esecuzione dell'accordo del 1° agosto 2007, recante: "Patto per la tutela della salute e la prevenzione nei luoghi di lavoro";
  • D.M. 5 dicembre 2007 - Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale
    Approvazione della determinazione dell'INAIL concernente "Programmi e progetti in materia di sicurezza e igiene sul lavoro";
  • L. 3 agosto 2007, n.123
    Misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e delega al Governo per il riassetto e la riforma della normativa in materia;
  • D.M. 12 luglio 2007, n.155 - Ministero della Salute
    Regolamento attuativo dell'articolo 70, comma 9, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626. Registri e cartelle sanitarie dei lavoratori esposti durante il lavoro ad agenti cancerogeni;
  • D.M. 26 gennaio 2004 - Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
    Definizione di una prima lista di valori limite indicativi di esposizione professionale agli agenti chimici;
  • D.P.C.M. 23 luglio 2003
    Individuazione dei datori di lavoro ai sensi del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni;
  • D.P.C.M. 23 dicembre 2003
    Attuazione dell’articolo 51 comma 2 della Legge 16 gennaio 2003 n.3, come modificato dall’art.7 della Legge 21 ottobre 2003 n.306, in materia di "tutela della salute dei non fumatori";
  • D.P.C.M. 8 luglio 2003
    Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione dalle esposizioni ai campi elettrici e magnetici alla frequenza di rete (50 Hz) generati dagli elettrodotti;
  • Circ. ISPESL 3 marzo 2003, n.2260
    Modalità di trasmissione delle cartelle sanitarie e di rischio ai sensi del D.Lgs n. 626/1994 così come integrato dal D.Lgs. n. 25/2002 e successive rettifiche;
  • D.P.C.M. 10 dicembre 2002, n.308
    Regolamento per la determinazione del modello e delle modalità di tenuta del registro dei casi di mesotelioma asbesto correlati ai sensi dell’articolo 36,comma 3, del decreto legislativo n.277 del 1991;
  • Circ.10 settembre 2002, n.4 - Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento della funzione pubblica
    Settimana europea per la sicurezza e salute sul lavoro anno 2002;
  • D.Lgs. 2 febbraio 2002, n.25
    Attuazione della direttiva 98/24/CE sulla protezione della salute e della sicurezza dei lavoratori contro i rischi derivanti da agenti chimici durante il lavoro;
  • Decreto 21 luglio 2000, n.278 - Presidenza del consiglio dei ministri dipartimento per gli affari sociali
    Regolamento recante disposizioni di attuazione dell'articolo 4 della legge 8 marzo 2000, n. 53, concernente congedi per eventi e cause particolari.
  • D.Lgs. 25 febbraio 2000, n.66
    Attuazione delle direttive 97/42/CE e 1999/38/CE, che modificano la direttiva 90/394/in materia di protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni durante il lavoro;
  • D.M. 20 agosto 1999 - Ministero della Sanità
    Ampliamento delle normative e delle metodologie tecniche per gli interventi di bonifica, ivi compresi quelli per rendere innocuo l'amianto, previsti dall' art. 5, comma 1, lettera f) , della legge 27 marzo 1992, n. 257, recante norme relative alla cessazione dell'impiego dell'amianto;
  • Provvedimento 5 agosto 1999
    Documento di linee-guida per la sicurezza e la salute dei lavoratori esposti a chemioterapici antiblastici in ambiente sanitario;
  • D.M. 26 marzo 1998 - Ministero dell'Industria del Commercio e dell'Artigianato
    Elenco contenente i nomi delle imprese e dei materiali sostitutivi dell'amianto che hanno ottenuto l'omologazione;
  • Decreto 6 aprile 2009- Istituzione di uno specifico Settore nel Laboratorio Radiazioni Ionizzanti;
  • D.M. 7 luglio1997 - Ministero della Sanità
    Approvazione della scheda di partecipazione al programma di controllo di qualità per l'idoneità dei laboratori di analisi che operano nel settore "amianto";
  • D.M. 12 febbraio 1997 - Ministero dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato
    Criteri per l'omologazione dei prodotti sostitutivi dell'amianto;
  • D.Lgs. 2 gennaio 1997, n.10
    Attuazione delle direttive 93/68/CEE, 93/95/CEE e 96/58/CE relative ai dispositivi di protezione individuale;
  • D.M. 14 maggio 1996 - Ministero della Sanità
    Normative e metodologie tecniche per gli interventi di bonifica, ivi compresi quelli per rendere innocuo l'amianto, previsti dall'art. 5, comma 1, lettera f), della legge 27 marzo 1992, n. 257, recante: "Norme relative alla cessazione dell'impiego dell'amianto". (G.U. Serie Generale n. 251 del 25 ottobre 1996);
  • D.M. 26 ottobre 1995 - Ministero della Sanità - Ministero dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato
    Normative e metodologie tecniche per la valutazione del rischio, il controllo, la manutenzione e la bonifica dei materiali contenenti amianto presenti nei mezzi rotabili;
  • D.M. 28 marzo 1995, n.202 - Ministero dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato
    Regolamento recante modalità e termini per la presentazione delle domande di finanziamento a valere sul fondo speciale per la riconversione delle produzioni di amianto, previsto dalla legge 27 marzo 1992, n. 257, concernente norme relative alla cessazione dell'impiego dell'amianto;
  • D.Lgs. 17 marzo 1995, n.230 e s.m.i.
    Attuazione delle direttive 89/618/Euratom, 92/3/Euratom, 96/29/Euratom in materia di radiazioni ionizzanti;
  • D.Lgs. 17 marzo 1995, n.114
    Attuazione della direttiva 87/217/CEE in materia di prevenzione e riduzione dell'inquinamento dell'ambiente causato dall'amianto;
  • D.Lgs. 17 marzo 1995, n.114
    Attuazione della direttiva 87/217/CEE in materia di prevenzione e riduzione dell'inquinamento dell'ambiente causato dall'amianto;
  • D.M. 6 settembre 1994 - Ministero della Sanità - Ministero dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato
    Normative e metodologie tecniche di applicazione dell'art. 6, comma 3, e dell'art. 12, comma 2, della legge 27 marzo 1992, n. 257, relativa alla cessazione dell'impiego dell'amianto;
  • D.P.R. 8 agosto 1994
    Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni ed alle province autonome di Trento e di Bolzano per l'adozione di piani di protezione, di decontaminazione, di smaltimento e di bonifica dell'ambiente, ai fini della difesa dai pericoli derivanti dall'amianto;
  • D.P.R. 13 aprile 1994, n.336
    Regolamento recante le nuove tabelle delle malattie professionali nell’industria e nell’agricoltura;
  • Circ. 17 febbraio 1993, n.124976 - Ministero dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato
    Modello unificato dello schema di relazione di cui all'art. 9, commi 1 e 3, della legge 27 marzo 1992, n. 257, concernente le imprese che utilizzano amianto nei processi produttivi o che svolgono attività di smaltimento o di bonifica dell'amianto;
  • L. 27 marzo 1992, n. 257
    Norme relative alla cessazione dell'impiego dell'amianto;
  • D.P.R. 30 giugno 1965, n.1224 e s.m.i.
    Testo unico delle disposizioni per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali;